Strada Statale 690 Avezzano-Sora: messa in sicurezza prioritaria

pubblicato in: PROGRAMMA | 0

La Strada Statale 690, che unisce Avezzano a Sora è conosciuta e soprattutto utilizzata da migliaia di automobilisti ogni anno. Un’arteria importante, una via di comunicazione essenziale, che però, purtroppo, presenta delle criticità importanti, problematiche irrisolte ormai da anni, nonostante i tantissimi, troppi incidenti anche mortali che vi si sono verificati.

Ma come intervenire in maniera seria e concreta? Attraverso la realizzazione di una rete di illuminazione, rotonde e infrastrutture per l’ammodernamento e la messa in sicurezza.

Gli interventi da realizzare consisterebbero nel: rifacimento dell’asfalto, la separazione delle carreggiate per senso di marcia con barriere New Jersey, in modo da non avere più incidenti causati da scontri frontali o per azzardo di sorpasso, completi di un’illuminazione alimentata da fonti rinnovabili. Sostituzione degli attuali guard-rail laterali con le barriere New Jersey, divieto di transito ai mezzi pesanti, che utilizzerebbero i treni merci nella tratta ferroviaria Avezzano – Sora.

Bisogna invogliare i turisti a venire in Abruzzo, far scoprire le bellezze dei nostri luoghi, gli usi e costumi della nostra bellissima terra, ma per farlo la prima regola è creare una buona accessibilità. Basta con il degrado, bisogna dare visibilità alla terra dei parchi, alle riserve naturali e oasi, non dimentichiamoci che la nostra regione è meglio nota come “Regione più verde d’Europa” ricca di cascate, altopiani, grotte e fiumi da esplorare, uno straordinario laboratorio biologico ideale per la tutela della flora e della fauna.

All’ingresso di ogni Paese e Città come saranno realizzate delle rotatorie che, oltre a regolare la velocità, rappresenterebbero una prestigiosa porta d’ingresso, caratterizzata dagli elementi emblematici del territorio.

Sarà un’opera di grande importanza, che unendosi a quella dell’alta velocità Adriatica-Tirreno diventerebbe la strada più ecologica ed eco sostenibile al Mondo, dando risalto ad una Regione, la nostra, che merita di stare al primo posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *